Finisce in parità la gara di Marineo tra la locale squadra palermitana e l’Akragas. Un 1 – 1 finale che sta stretto alla compagine dei templi, che ha avuto tante occasioni per segnare, ma un prodigioso portiere Ceesay ha confermato di essere un guardiapali di ben altre categorie.
Biancazzurri concentrati al massimo, che dopo un tambureggiante inizio, riuscivano a passare grazie al difensore Tuniz.
L’Akragas batte un calcio d’angolo, Jardel colpisce di testa, respinge corto Ceesay e Tuniz insacca da pochi passi.
Un vantaggio meritato, che legittima la superiorità della compagine dei templi.
Al termine del primo tempo, uno scontro fisico tra Azzara e Yoboua, veniva punito dall’arbitro con un rosso per entrambi.
Nella ripresa, le squadre scendono in campo in inferiorità numerica, e già subito al 5′, un tiro di Lavardera impegna severamente il portiere di casa.
Al 18′ l’episodio che porta al pareggio del Marineo: D’Agostino appena entrato, riesce ad penetrare in area biancazzurra, affrontato con decisione da Leonardi, cade. L’arbitro non ha dubbi ed assegna il calcio di rigore.
Dagli undici metri trasforma l’ex Cocuzza: si tratta dell’unico tiro in porta effettuato sino ad allora.
Girandola di sostituzioni, l’Akragas continua a sfiorare il gol vittoria per tre volte, ma in tutti i casi, si oppone con bravura Ceesay.
Finsice con un pari, ma la squadra ha dimostrato di esser tenace e volitiva. Domenica prossima si ritorna all’Esseneto contro il Marsala.

MARINEO: Ceesay, Piscopo, Colley, Di Maggio, Procida, Maggio, Ciancimino, Rama, Bognanni, Cocuzza, Azzara. All.: Giuseppe Tumminia

AKRAGAS: Di Carlo, Yoboua, Tarantino, Taormina, Cipolla, Tuniz, Leonardi, Piyuka, Jardel, Prestia, Lucas Corner. All.: Giuseppe Anastasi

Articolo precedenteAkragas, un gran turismo tutto tuo
Articolo successivoEccellenza A, i risultati e la classifica dopo la 3^ di ritorno