Foto Acireale Calcio

Dopo 10 vittorie consecutive il Trapani viene bloccato, sul pareggio (1-1) in casa dall’Acireale, ma resta ugualmente al comando della classifica con 31 punti.
Era andato in vantaggio l’Acireale al 2′ con Montaperto, mentre i padroni di casa hanno pareggiato con Gagliardi al 45′.
Al 2° posto, ad una lunghezza, con le stesse partite giocate, la Vibonese, che ha superato brillantemente (3-0) l’Igea Virtus, grazie ai gol di Ciotti, Gaeta, e Tandara su rigore.
Al 3° posto, a tre punti dal vertice, ma con una partita in meno, il Siracusa, che ha inflitto un pesante passivo (4-0), a domicilio, alla Gioiese. In gol per gli aretusei di mister Cacciola Favetta, Forchignone, e due volte Maggio.
Al 4° posto, in zona play off, ma a 10 punti dal vertice, il Licata che, in rimonta, ha superato per 2-1- il Portici. Per gli ospiti il vantaggio di Riccio, mentre Murgia, al 48′, e Saito al 69′ hanno ribaltato il risultato.
Appaiati al 5° posto, con 18 punti, tre squadre: Akragas, Real Casalnuovo e S. Agata, tutti vincitori nei rispettivi incontri odierni.
L’Akragas ha battuto di misura 2-1 la Sancataldese con i gol di Trombino al 40′ su rigore e di Di Mauro al 44′ , mentre per gli ospiti ha accorciato le distanze Durmush all’88’.
Il Real Casalnuovo ha sconfitto, in rimonta (2-1), il Locri che si era portato in vantaggio con Marsico al 43′, mentre Dore e Pinna hanno portato tre punti ai propri colori.
Il S. Agata, a sua volta, ha vinto (4-2) contro il S. Luca in una partita ricca di emozioni.
Infatti, la squadra di mister Facciolo si era portata sul 2-0 con i gol di Carrozzo e Aquino, mentre hanno riportato il risultato in parità Bukva e Dampha, prima e che Mincica, al 56′ e successivamente Lo Grande, al 78′, fissassero il punteggio finale. Successo, esterno, sul terreno del Castrovillari, fanalino di coda, della Reggina che, grazie a un gol di Rossetti, al 64′, incamera tre punti e sale a quota 15 punti in classifica. Hanno riposato il Canicattì e il Ragusa.

Articolo precedenteEccellenza A, tutti a caccia della fuggitiva Nissa
Articolo successivoAcireale, Salvo Marra è il nuovo tecnico