“Ai numerosi tifosi di Castronovo, non mi rivolgo ovviamente a quelli residenti nella ridente cittadina palermitana, ma ai nostri appassionati,
mi preme puntualizzare quanto segue:
Al termine dell’Assemblea dei Soci mi è stato dato mandato di avvisare il nostro interlocutore sulle decisioni della stessa e cioè che era gradito il suo ingresso in Società a fronte di una quota sociale di iscrizione di 6.000 euro da versare sul c/c non di qualche socio ma nella”pignata”comune; cifra irrisoria rispetto alle promesse sbandierate ed alle cifre che lo stesso si sarebbe impegnato successivamente a fornire . Così ho fatto invitandolo sabato prossimo ad un incontro proficuo e costruttivo. Mi ha chiuso la telefonata… per poi ricevere risposta su fb che si è trattata di una proposta quasi offensiva.
Ribadisco ancora una volta che si tratta di una società sana con modestissimi insoluti che si aggirano poco più sulle dita di una mano.
Ribadisco che nessuno dei vecchi soci ha chiesto un euro indietro a fronte degli esborsi personali.
Ribadisco che le trattative si fanno con discrezione e stile senza necessarie sovraesposizioni mediatiche ma attorno ad un tavolo.
Ribadisco per ultimo che nessuno può permettersi di contattare giocatori, allenatori, sponsor per nome e conto della società O. AKRAGAS senza averne titolo e mandato.
Spero comunque per il bene dei Giganti che si possano appianare le incomprensioni per dare un futuro migliore alla futura Società e che questa possa vincere quella gara in più che non ci ha permesso già quest’anno di approdare in Eccellenza.
Spero presto possa io ritornare sui gradoni dell’Esseneto come un semplice tifoso per gridare come ai vecchi tempi”