“Avrei voluto gioire assieme ai tifosi per la seconda salvezza di fila, ma purtroppo le strade con il Gigante si sono divise, e di questo mi rammarico. – sono le parole di commiato di lello Di Napoli che abbiamo voluto rintracciare telefonicamente per il saluto finale – Che devo dire, me ne vado portando con me ottimi ricordi di Agrigento e della sua gente quella genuina e cordiale, che in questi quasi due anni di permanenza mi sono stati vicini ed incoraggiato nei momenti difficili.

Ma permettimi di salutare e ringraziare chi mi ha voluto fortemente alla guida dell’Akragas: Peppino Tirri e Salvatore Catania, i quali mi hanno fatto crescere professionalmente e consentirmi di guidare un club illustre e pieno di storia. Un saluto ed un ringraziamento va all’amico Ernesto Russello, una persona sincera con il quale ho condiviso momenti particolari.
Ma non voglio dimenticare i tanti amici dello stadio che mi aspettavano per salutarmi alla fine degli allenamenti, i magazzinieri, lo staff medico e tecnico, ed i tanti estimatori che mi sono stati vicini, come Ciro Fuschino, Gaetano Gucciardo e tanti altri ancora.

Ho ricevuto tantissime telefonate di solidarietà, e ciò mi da la carica giusta per guardare al futuro con maggiore ottimismo.
Auguro ai ragazzi, ai quali va il mio personale ringraziamento per l’impegno profuso, di superare questo periodo negativo e sappiano regalare le giuste soddisfazioni al popolo biancazzurro. L’Akragas lo porterò sempre nel fondo del mio cuore, e tiferò sempre per il Gigante”.
Anche la nostra Redazione ringrazia Lello Di Napoli per la fattiva collaborazione e grande disponibilità, ed augura migliori fortune per il futuro.