I tifosi biancazzurri sono in movimento per raggiungere lo stadio “Gaeta” di Enna.
In un big match così atteso, cresce la febbre, e si stima che oggi possa esserci il sold-out.
I punti in palio sono davvero molto pesanti, un braccio di ferro tra le squadre più attrezzate per il salto di categoria.
Ennesi,  in ritardo, (in classifica generale), ma con una gara in meno,
Il distacco, ad oggi, è di sette punti, e va anche sottolineato, che l’Enna, insieme ad Akragas e Don Carlo Misilmeri, è, attualmente, imbattuta in questa fase finale di campionato.
La differenza sta nelle vittorie: nove per l’Akragas e sei per l’Enna, e nei pareggi: tre per la compagine dei templi e cinque per quella ennese.
In quanto alle reti: trenta quelle segnate dai biancazzurri, diciotto per la squadra gialloverde, mentre i gol fatti sono diciotto contro i trenta agrigentini. Per completare le statistiche, entrambe hanno difese, difficilissime, da superare: quattro le reti subite dall’Akragas, otto quelle dell’Enna.
A confronto, dunque, due corazzate, forti in ogni reparto, che faranno di tutto per accaparrarsi l’intera posta in palio. Ritornando all’Akragas, il tecnico biancazzurro, Nicolò Terranova, dopo il mercoledì di Coppa Italia, vinto a Misilmeri contro il locale Misilmeri, ha fatto svolgere la preparazione, compreso sabato pomeriggio.
Fatta eccezione per l’infortunato Caccetta, di cui si parla di un probabile rientro per il prossimo anno, tutto il gruppo (salvo influenze stagionali dell’ultimo minuto), appare in perfetta forma, e pronta a scendere in campo. L’altro biancazzurro indisponibile è il difensore Dario Neri appiedato dal Giudice Sportivo, per quanto riguarda la parte avversaria, non ci sarà, invece (per lo stesso identico motivo), l’argentino Amaya Federico Martin.
Nell’Enna, tra l’altro, gioca un ex biancazzurro, che ad Agrigento ha lasciato un buon ricordo: Giuseppe Prestia, mentre l’altro gialloverde, di provenienza akragantina, vale a dire Ivan La Vardera, si è accasato con l’Oratorio Marineo.
Da qualche giorno sono arrivati: il trequartista argentino Agustin De Giovanni, classe 1997 già ammirato in Sicilia con la maglia dell’Unitas Sciacca, Davide Carioto ex attaccante del Parmonval, Orazio Campagna, giovane difensore classe 2003,
Lo scontro del “Gaeta”, Enna – Akragas, avrà inizio alle 14,30, e sarà diretto da: Lorenzo Armenia di Ragusa, il quale verrà assistito da Arturo Artellini e Giuseppe Saracino entrambi di Ragusa.

Articolo precedenteAkragas, primo colpo nel calciomercato di dicembre
Articolo successivoEccellenza A, i risultati dopo il primo tempo