Si ritorna in campo per il primo turno di ritorno di Coppa Italia “Memorial Gianfranco Provenzano”, il cui esito finale deciderà le sorti per il passaggio del turno. In tutti i campi, per disposizione del decreto ministeriale a causa delle restrizioni dovute al Covid, si dovrà giocare rigorosamente a porte chiuse.
Un inizio di stagione mal digerito dalle tifoserie, che sono in fermento a livello mondiale per trovare una soluzione idonea.

Ritornando alle squadre agrigentine che si contenderanno il passaggio del turno, spiccano Casteltermini-Akragas e Pro Favara-Canicattì.
I risultati acquisiti nel turno d’andata, presuppongono che, sicuramente, potrà esserci battaglia in campo, in quanto  lo scarto di appena una rete, non consente di avere la certezza della qualificazione.
All’Esseneto, a decidere le sorti della sfida è stato un tiro piazzato realizzato da Rosario Licata, mentre la gara del Saraceno, ha visto prevalere il Canicattì grazie alle reti di Malluzzo e Ferrotti, per la Pro Favara il sempreverde Cortese.
Ritornando alla gara del “Lombardo” di Casteltermini, entrambi i tecnici La Bianca e Di Gaetano, hanno preparato la sfida con grande impegno.
I locali mirano a dare la prima soddisfazione stagionale ai propri beniamini, lo stesso vale per quelli biancazzurri.
Purtroppo, come detto prima, questa disputa sarà giocata a porte chiuse.
A dirigere questa gara sarà  Fabio Caruso  di Palermo, con Assistenti : Elvira Rizzo  e Pierluigi Fazzi  entrambi di Enna.

Al “Giovanni Bruccoleri” arbitrerà Ruggero Alessi di Palermo, assistenti Andrea Varisano e Salvatore Zambuto Sitra, entrambi di Agrigento.

Torna a giocare l’Unitas Sciacca, ma il passaggio del turno è oramai compresso per la brutta sconfitta interna subita al “Gurrera” per 0 – 5.
La compagine verde-nero del tecnico Gerardi   priva dei suoi uomini migliori, e con l’organico da completare  sarà di scena a Castelvetrano nel tentativo di limitare i danni. Arbitro dell’incontro:  Giovanni Marco Arena di Palermo, collaboratori Francesco Camarda e Lorenzo Biunda di Trapani.