Giuseppe Polito
Giuseppe Polito tra i più in forma

Era stata preparata nei minimi particolari la gara contro la Sancataldese, da un Campofranco consapevole della propria forza ma rispettoso dell’avversario. Si è assistito, comunque, ad una gara quasi a senso unico, con un Campofranco che ha preso sin dall’inizio le redini del gioco contro una Sancataldese imbottita di giovani che il monumentale Milanesio sta cercando di mantenere a galla.
Tornando alla gara di domenica, tutto è sembrato facile a Lo Nigro e compagni quando già dopo una manciata di minuti Randis portava in vantaggio i giallorossi campofrancesi: una fitta rete di passaggi e possesso palla, non hanno dato punti di riferimento alla Sancataldese che non ha mai impensierito il portiere Lo Nardo se non in occasione del gol dell’ex Zambito.
Tutti i calciatori schierati da mister Restivo sono apparsi in opttima condizione fisica, frutto del lavoro del preparatore Salvo Scozzaro che giornalmente sta portando anche gli ultimi arrivati ad una condizione di forma invidiabile. Al termine della partita, soddisfazione contenuta negli spogliatoi con mister Restivo che analizza la gara. “E’ stata una bella prestazione quella di oggi, tutti hanno dato il massimo e i risultati si sono visti al di là del risultato. Cominciamo già a prepararci alla gara di domenica prossima contro il blasonato Marsala del quale non dobbiamo assolutamente guardare il deficitario inizio di stagione”.
Buona la prova di Morosanu, giovanissimo attaccante che si fa trovare sempre pronto alla chiamata. Domenica il Campofranco ha la possibilità di aumentare ancora il proprio bottino di punti ricevendo un Marsala ancora a zero punti in classifica, ma ogni gara ha una storia a sé e quindi i lilybetani avranno come al solito il massimo rispetto. Un punto negativo di questo inizio di stagione è il fatto che tre gare su quattro sono terminate con i cartellini rossi. Bisogna anche lavorare su questo.

Articolo precedenteCanicattì, i tifosi si stanno avvicinando numerosi alla squadra biancorossa
Articolo successivoRaffadali-Akragas, campo amico per entrambe