Akragas e Pro Favara sono pronte a confrontarsi per la terza volta in questa stagione.
Nelle due gare precedenti di Coppa Italia, la squadra dei templi si è imposta a suon di reti: in andata all’Esseneto per 3 a 0 con reti di: Barrera, Mansour e Vitelli, ed al ritorno per 2 a 5, con gol di Vitelli e Mansour (una doppietta ciascuno) e Caccetta, mentre per la Pro Favara, De Luca su calcio di rigore e Dembelè.

Gare di inizio stagione che fanno testo sino ad un certo punto, in campionato gli stimoli sono diversi, e dopo sette giornate la classifica dice che l’Akragas ha 19 punti con un margine di quattro sullo stesso Pro Favara, che intanto ha cambiato tecnico: via Tudisco per Catalano.
Ed i risultati recenti positivi conseguiti dai cugini favaresi sottolineano che le cose sono un po’ cambiate.
L’unica nota stonata di questo derby molto atteso, è dovuto al fatto che sarà giocato senza la presenza dei supporters favaresi.

Dopo gli incidenti della gara di andata giocata all’Esseneto, la Prefettura di Agrigento  ha disposto il divieto di vendita dei biglietti di accesso ai residenti nel comune di Favara.
Per l’Akragas si tratta di giocare la sua terza gara in otto giorni, e mercoledì scorso contro il Resuttana S. Lorenzo si è fatta sentire un po’ di stanchezza fisica e mentale.
Per questo motivo, il tecnico Nicolò Terranova ha fatto svolgere un lavoro di scarico per i giocatori scesi in campo lo scorso mercoledì, mentre per tutti gli altri, invece, esercitazioni tecnico-tattiche e partitella finale. Lavoro differenziato per i giovani Dispenza e Scozzari, mentre Semenzin si è sottoposto a particolari terapie,  dopo i problemi fisici riscontrati durante il match di Coppa Italia.
I tre calciatori non sono disponibili per il derby.  Il derby Akragas – Pro Favara, in programma domenica prossima all’Esseneto, a partire dalle 15,00, sarà diretto da Francesco Masi di Pontedera, Assistenti : Elvira Rizzo e Francesco Di Venti di Enna.

Articolo precedenteParmonval e Nissa, cambi in panchina
Articolo successivoAkragas, in vetta inseguito dall’Enna