Eccola arrivata, la tanto attesa gara di andata di Coppa Italia, tra il Don Carlo Misilmeri e l’Akragas, match che si disputerà questo pomeriggio, ore 14,30, allo stadio “Giovanni Aloisio”.
Una sfida tra le prime della classe, che nel breve giro di 10 giorni, dovranno poi incontrarsi altre due volte: l’11 dicembre in campionato ed il 14 per il retour-match di Coppa, queste ultime, entrambe all’Esseneto.

Praticamente, la conclusione del girone di andata è dietro l’angolo, e mancano tre partite: Enna, Don Carlo Misilmeri (Esseneto) e Resuttana (17/12) fuoricasa, per poi iniziare il girone di ritorno (il 07/01/2023), in trasferta con la Leonforte.

Il Don Carlo Misilmeri arriva in semifinale dopo avere superato il doppio turno con la Mazarese, mentre l’Akragas con il Resuttana. Ma qual è la situazione in casa-Akragas? Domenica scorsa, qualche calciatore si è dovuto fermare: Baio per l’influenza, mentre Alexandro Noto per motivi personali e Caccetta per infortunio. E’ probabile che i primi due possano tornare disponibili.

Per questa prima sfida di andata, è stato chiamato a dirigere la gara: Salvatore Montevergine di Ragusa, con assistenti Franzjoseph Grasso di Acireale e Giuseppe Corona di Marsala.

Risulterà qualificata (o vincente) la squadra che nei due incontri avrà ottenuto il maggior numero di reti nel corso delle due gare. Qualora risultasse parità nelle reti segnate, sarà dichiarata vincente Ia squadra che avrà segnato il maggior numero di reti in trasferta; verificandosi ulteriore parità, l’arbitro procederà a fare eseguire i calci di rigore secondo le modalità previste dai vigenti regolamenti, al termine della gara di ritorno.

Articolo precedenteEccellenza A, movimenti in casa Mazarese
Articolo successivoCoppa Italia, l’Akragas sbanca Misilmeri