'Luis'-Lo Verme (Citroen Saxo Vts S1600)
‘Luis’-Lo Verme (Citroen Saxo Vts S1600)

Affascinante è il percorso di gara, ricavato su una sezione del medesimo nastro d’asfalto che ospitò in passato la mitica cronoscalata Cefalù-Gibilmanna, tra gli anni Settanta ed Ottanta valevole perfino per il Campionato europeo della montagna del tempo. Il 1° Rally Ronde Scicolone “Circuito Cefalù e Madonie” si articolerà su un’unica impegnativa prova speciale (come recita appunto la formula della Ronde), della lunghezza pari a 14,10 km, da ripetersi per ben quattro volte, per un totale di 56,40 km di tratti cosiddetti a cronometro, su fondo asfaltato, con percorrenza complessiva equivalente invece a 194,55 km. Ad essere interessati dal tracciato, che si erge verso il noto Santuario di Gibilmanna, meta di pellegrinaggi da tutta Italia, sono i citati tre comuni di Cefalù, Lascari e Gratteri.

Toccherà al piccolo comune madonita di Gratteri ospitare, sabato 10 novembre, a partire dalle 19.00, la partenza del rally ronde, atteso al via ufficiale sull’ideale passerella allestita nel centralissimo corso Umberto I. La carovana

si dirigerà quindi alla volta di Cefalù, per l’ingresso al riordino notturno previsto sul lungomare Giuseppe Giardina a partire dalle 19.40. Ultimata la pausa notturna, la competizione scatterà ufficialmente l’indomani, domenica 11 novembre, alle 8.30, con l’uscita dal riordino localizzato sul citato lungomare Giardina ed il successivo ingresso in assistenza, sempre nel medesimo luogo, a Cefalù. I concorrenti si muoveranno quindi subito dopo, per affrontare il primo dei quattro passaggi sulla prova speciale cosiddetta “Circuito Madonie”, di 14,10 km, a partire dalle 8.56. Il segmento di gara ha inizio al km 2 della strada provinciale 54 bis “Cefalù-Gibilmanna”, all’altezza del noto bivio di “Croce Parrino”, per proseguire sulla strada provinciale 28 in direzione di Gratteri, per circa 2 chilometri, fino al termine della prova. La “piesse”sarà ripetuta dai concorrenti in sfida altre tre volte, alle 11.01, alle 13.06 ed alle 15.11.

Cinque i riordini indicati sulla tabella di marcia ufficiale, il primo dislocato sul lungomare Giardina a Cefalù (quello allestito in notturna), i rimanenti quattro ospitati nella centrale via Alcide De Gasperi, a Lascari. Quattro, invece, i parchi assistenza, il primo sempre localizzato sul lungomare Giardina, a Cefalù, gli altri tre allestiti infine ancora a Lascari, in via Alcide De Gasperi. Sono inoltre quattro i controlli a timbro tutti previsti a Gratteri in corso Umberto I. Cefalù ospiterà poi l’atto conclusivo del 1° Rally Ronde Scicolone “Circuito Cefalù e Madonie”, ossia l’arrivo con la “passerella” finale per piloti e vetture, alle 16.30 di domenica 11 novembre, nella suggestiva cornice della Villa comunale, in via Giacomo Matteotti. Sempre Cefalù contribuirà infine a far calare il sipario sulla manifestazione “ronde rallystica” con la premiazione conclusiva, fissata nell’occasione sul palco del Teatro comunale “Salvatore Cicero”, alle 19.

Le abituali verifiche tecnico-sportive per concorrenti e vetture si svolgeranno poi sabato 10 novembre a Cefalù, al Palasport “Marzio Tricoli”, sito in contrada Ogliastrillo, dalle 10.00 alle 13.00 e, nel pomeriggio, dalle 14 alle 15.30. Direzione di gara (affidata all’esperto internazionale ennese Alessandro Battaglia), sala stampa e la logistica saranno ancora ospiti al Palasport “Marzio Tricoli” di contrada Ogliastrillo, a Cefalù. La distribuzione dei “radar” ai concorrenti avverrà a Cefalù venerdì 9 novembre, mentre le ricognizioni autorizzate per i partecipanti saranno possibili sabato 10 novembre, dalle 10.40 alle 17.30.