Condividi

Giuseppe Castiglione e si aggiudica la 1a edizione dello Slalom Altofonte – Rebuttone, quella del ritorno dopo 22 anni.
Un successo mai in discussione per il ventottenne originario di Buseto Palizzolo (TP), due volte campione siciliano Slalom 2015 e 2016 e per la sua veloce Radical SR4 Suzuki preparata nella officina di papà Luigi e messagli a disposizione dalla Santoro Corse. Giuseppe Castiglione, alfiere della scuderia Armanno Corse Palermo, si è costantemente migliorato nel corso delle tre salite cronometrate tra i birilli, vinte tutte senza particolari patemi d’animo.

Alle spalle di Giuseppe Castiglione, a completare un incredibile ma meritato successo di squadra della Armanno Corse (che ha piazzato due suoi piloti nelle prime due posizioni dell’assoluta, stappando altresì lo spumante per la sua affermazione nella speciale graduatoria riservata alle scuderie), si è issato con pieno merito e forse un po’ a sorpresa il messinese Giovanni Greco, staccato di 7”05 dal leader, al volante della sua Radical SR4 Suzuki.
Non è invece andato al di là della terza posizione assoluta (però ad appena 1”13 di stacco dalla piazza d’onore) il trapanese di Custonaci Nicolò Incammisa, Trapani Corse, per un altrettanto incredibile “tris” tutto Radical SR4 Suzuki sul podio di Altofonte, ad 8”18 dalla vetta.

La classifica: 1) Giuseppe Castiglione (Radical SR4 Suzuki), in 164,01 “punti-secondi” 2) Giovanni Greco (Radical SR4 Suzuki), in 171,06 3) Nicolò Incammisa (Radical SR4 Suzuki), in 172,19 4) Michele Poma (su Ghipard Ghi008 Suzuki), in 176,70 5) Giuseppe Messina (Renault Clio Cup), in 186,70 6) Michele Ferrara (Peugeot 106 Gti 16v), in 187,63 7) Antonio Piazza (Barbone 001 Suzuki), in 188,03 8) Angelica Giamboi (Fiat X1/9), in 191,96 9) Andrea Lo Nigro (su Fiat 127 Sport), in 195,00 10) Giuseppe Galioto (Elia Avrio ST09 Suzuki), in 196,04 11) Lorenzo Lo Monaco (Fiat 500), in 197,49 12) Nino Cardillo (Fiat 500), in 198,16 13) Francesco Strinati (su A112 Abarth), in 199,19 14) Francesco Puleo (Formula Gloria B4 Yamaha), in 199,22 15) Ignazio Bonavires (Peugeot 106 Gti 16v), in 199,65.