Definiti i gironi della Serie D con il “ripescato” Palermo inserito nel Girone I insieme con le altre otto società siciliane, cinque calabresi e quattro campane, in vista dell’esordio ufficiale con il I° turno di Coppa Italia (domenica 25 agosto ore 16), abbiamo intervistato mister Pippo Romano, un tecnico molto navigato, serio e competente, per conoscere il suo parere sulle squadre che vi prenderanno parte, alla luce degli organici allestiti in fase di calciomercato.
“Si prospetta – afferma Pippo Romano, che tanto bene ha fatto lo scorso campionato alla guida dell’Acireale – un campionato simile a quello della scorsa stagione con il Palermo che potrebbe prendere il posto del Bari.
Però, bisogna sottolineare che il Bari era partito con un programma ben preciso, condotto felicemente a termine, seppure con qualche problema.
Il Palermo, finora, non l’ha fatto, ma è ancora in tempo per completare il suo organico con gente esperta e di categoria superiore”.

Le altre possibili protagoniste?
“Sarà, come sempre, un campionato duro, agguerrito ed equilibrato con diverse squadre che puntano in alto, quali, ad esempio, il Savoia, il Giugliano e le due messinesi che vorranno recitare entrambe il ruolo di protagoniste in virtù di buone strutture societarie e organici molto forti”.

Quali i possibili ruoli delle altre siciliane?
“L’Acireale, avendo raddoppiato il suo budget, disputerà sicuramente un grande campionato.
Anche il Marsala, sebbene, abbia cambiato molto ha una buona base.
Il Licata, nella continuità dell’ottimo lavoro svolto da Giovanni Campanella, disputerà un campionato di livello.
Il Marina di Ragusa e il Biancavilla punteranno sulle ali dell’entusiasmo. Infine, il Troina, che per ora è un’incognita, potrà giovarsi dell’ottimo lavoro svolto lo scorso campionato da Davide Boncore”.

Sotto il profilo personale?
“La professionalità, la serietà e il lavoro pagano sempre. In questo ambito bisogna avere pazienza e sapere aspettare”.