Si disputa mercoledì 8 dicembre un altro turno infrasettimanale che propone la capolista Gelbison, non più imbattuta, impegnata sul campo non proprio inespugnabile del Rende.
Senza dubbio più facile il compito della Cavese che ospita il Messina, mentre Lamezia e Acireale affronteranno, rispettivamente, il Cittanova in trasferta e il Real Aversa, in casa.
Per commentare il campionato abbiamo interpellato Pippo Strano, uno degli allenatori più qualificati, attualmente senza alcun incarico, ma dal curriculum ricco di successi per avere guidato brillantemente il Paternò, in due riprese il Siracusa e anche il Palazzolo, conquistando la promozione e in precedenza due volte l’Adrano con altrettante promozioni.

“Appare lampante – afferma Strano, tecnico dal grande carisma e temperamento – che il campionato è caratterizzato da una chiara frattura.
Da una parte cinque-sei squadre fortemente attrezzate per puntare a conquistare la promozione e dall’altra, ma con un grosso dislivello tecnico a lotta per evitare play out e retrocessione”.

Un fattore che colpisce subito?
“Vedere diverse squadre siciliane in fondo alla classifica. Sinceramente non me l’aspettavo e mi rammarico.
Mi colpisce molto per la continuità di risultati il Paternò, che sta facendo benissimo”.

Sui risultati di domenica scorsa?
“Alcuni nella norma ma altri, quali gli exploit dell’Acireale e del Paternò sono stati superlativi.
Tra questi, anche la vittoria della Sancataldese dove Giovanni Campanella sta dimostrando che spesso gli allenatori fanno davvero la differenza.
Inoltre mi fa piacere la rimonta del Troina che non sta lasciando nulla al caso per conquistare la salvezza”.

Sorprese in negativo.
“Sicuramente il Messina, così come il Trapani, ma anche Giarre e Biancavilla che non sono riusciti finora a dare seguito alle premesse.
Comunque, nulla di compromesso perché ancora ci sono le possibilità di risalita”.

L’Acireale può vincerlo il campionato?
“Nonostante abbia dovuto registrare molti infortuni e sia costretto a non potere utilizzare il proprio campo, penso che ce la possa fare.
Sarebbe bello se più squadre siciliane riuscissero a inserirsi nei quartieri alti della classifica”.

Ed ecco i pronostici di mister Pippo Strano:
”Acireale -Real Aversa 1; Cavese-Messina 1; S. Agata-Paternò 1X2; Cittanova-Lamezia; Giarre-Castrovillari 1; Rende-Gelbison 2; Sancataldese-S. Luca 1; S.M. Cilento-Licata 2; Trapani-Portici 1; Troina-Biancavilla 1X2”.

Articolo precedenteCanicattì, ridotta a tre le giornate di squalifica per Raimondi
Articolo successivoUnitas Sciacca, si è dimesso il tecnico Geraldi