Se ne è andato un altro tassello dello storico Akragas 82/83, approdato in C1 dalla C2, del compianto tecnico Egizio Rubino.
Si tratta dell’attaccante Elio Grassi, avrebbe compiuto 62 anni il prossimo 09 giugno (classe ’58), lo ha stroncato un infarto fulminante.
Dotato di un fisico possente e di una buona tecnica individuale, contribuì notevolmente alla promozione in serie C1 del club biancazzurro.
Nato a Seregno, era molto noto nella sua città dove aveva iniziato a tirare i primi calci.
Ricco il suo curriculum: Lucchese, Turris in C1, Sorrento, dove conobbe la moglie.
In seguito arriva all’Akragas, poi Nola, e successivamente a Lamezia Terme, dove trova come tecnico Claudio Ranieri.
Era la fine degli anni novanta e poco dopo,  decise di appendere le scarpe al chiodo.
Elio Grassi era padre di due figli.
Agli inizi degli anni duemila Iniziò l’attività di allenatore con il  Cabiate dove vinse,  nella stagione 1999-00, il campionato di Prima categoria.
Ricordiamo i suoi compagni di squadra di allora, e della splendida cavalcata in C1: Adelfio, Casadei, Catalano, Catarci, Cau, Cinquegrana, Colusso, Cracchiolo, De Brasi, Gaudenzi, Lorenzini, Pieri, Ritrovato, Rossi, Santarossa.
Presidente era Umberto Castagna, metre presidente Onorario Luigi Zicari.
Purtroppo, raggiunge altri due suoi compagni di squadra di quella stagione: Fabio Casadei e Mario Gaudenzi.
In quella stagione, “chiuso” da Beppe Cau cannoniere con 16 reti, Grassi racimolò cinque presenze segnando un paio di gol.

Le reti di Piero Grassi con l’Akragas:
Turris – Akragas (30-01-83)  0 – 1 (25′ Grassi)
Potenza – Akragas  (17-04-83)  2 – 1 (15′ Tosi, 58′ Grassi, 90′ Pistillo)