Brutto risveglio per l’Unitas Sciacca, che dopo undici risultati utili consecutivi, cede alla non certo irresistibile Mazarese.
Una prova opaca, quella neroverde, che cede con il più classico dei risultati, grazie alla prodezza balistica dell’ex di turno Campisi con un bolide dai 25 metri, ed al contropiede micidiale di Barraco che trova la retroguardia ospite impreparata.
Una sconfitta che non compromette nulla, e talvolta le battute di arresto servono per riprendere quota.
Adesso, la festa è rimandata al prossimo turno, a patto che si metta sotto il Valderice ospite del “Gurrera”.