Parmonval-Akragas, si replica, questo pomeriggio allo stadio “Lo Monaco” di Partanna Mondello, a partire dalle ore 16,00.
Come si ricorderà, otto giorni prima, il fondo campo della struttura, a causa delle forti piogge che imperversavano sul litorale palermitano, si era trasformato in un vero e proprio acquitrino.
Ecco il motivo per cui l’arbitro designato di allora, decise di rinviare la partita ad altra data. Rispetto ad allora, fatta eccezione per il terreno di gioco tornato praticabile, cambia, solamente, la terna arbitrale, adesso tutta siciliana, per il resto, tutto è rimasto tale e quale.
Da parte akragantina mancheranno Tuniz e Cipolla entrambi appiedati dal giudice sportivo, mentre per quanto riguarda Prestia, infortunatosi contro la Mazarese, sembra avere smaltito l’infortunio che gli aveva provocato ben sette punti di sutura.
Il tecnico Nicolò Terranova, infatti, lo ha convocato regolarmente, ma sul suo utilizzo ci sono delle perplessità.
Ritornando all’asse centrale, i sostituti dovrebbero essere: Yoboua e Llama, mentre, al posto di Prestia sono in preallarme, Giovanni Taormina e Bellanca.
Appare chiaro, che per mantenere l’attuale posizione di classifica generale, e mantenere le distanze dal Don Carlo Misilmeri (attualmente al terzo posto, ), occorrerà uscire con un risultato positivo dal “Lo Monaco”.
La compagine di Marco Aprile, che non sta attraversando un buon momento, proviene da quattro sconfitte di fila, ma ha, già, raggiunto l’obbiettivo stagionale rappresentato dall’anticipata e  matematica salvezza.
Ciò chiaramente non deve indurre a prendere questa sfida sottogamba, e bisogna stare attenti agli imprevedibili “colpi di coda”.
Tra l’altro, le ultime sfide di campionato della compagine dei templi, si chiamano Pro Favara (al Bruccoleri) ed Enna (all’Esseneto).
In sintesi, si tratta di  tre partite (compreso il recupero di oggi), in cui l’Akragas si gioca la seconda posizione per la disputa dei play off, nella migliore posizione possibile. Infine, un’eventualità da non trascurare: se a fine campionato, la squadra di Nicolò Terranova, dovesse avere 10 o più punti di distacco sulla quinta in classifica (che verrebbe eliminata), accederebbe direttamente alla finalissima del girone, contro la vincente tra la terza e la quarta classificata.
Infine, questa è la nuova terna arbitrale designata e composta da : Giuseppe Mattace Raso di Messina, con assistenti: Alessio Reitano di Acireale e Salvatore Nigrelli di Barcellona Pozzo di Gotto.

Articolo precedenteBomber in Eccellenza, guida sempre Pasivich dell’Akragas
Articolo successivoEccellenza A, in campo per quattro recuperi