E’ stato varato Il nuovo Dpcm con il quale  “sono consentiti soltanto gli eventi e le competizioni di interesse regionali e nazionali”, mentre “l’attività sportiva dilettantistica di base, le scuole e l’attività formativa di avviamento relativa agli sport di contatto sono consentite solo in forma individuale e non per gare e competizioni”.
“Restano sospese tutte le attività amatoriali, per quanto riguarda il calcio vengono fermate tutte le gare della Terza Categoria e in alcune regioni della Seconda”.
Riepilogando sono vietate le partite di calcetto tra amici. Sì invece alle partite di calcio a 5 nelle società dilettantistiche.
Quindi sospesi gli sport di contatto, come ad esempio il calcetto o il basket, la pallavolo, le arti marziali, tutto a livello amatoriale, ma vengono consentiti a livello dilettantistico, per le società che abbiano adottato protocolli per limitare i contagi.
Preoccupato il Presidente della LND, Cosimo Sibilia che afferma: “Il nuovo Dpcm ha confermato i nostri timori, perché se da un lato sembrerebbe garantita la prosecuzione dell’attività dilettantistica a livello nazionale e regionale, non possiamo dire lo stesso per quella provinciale e giovanile.
Trovo grave considerare lo sport un’attività non essenziale, come anche non aver cercato un confronto con chi organizza e gestisce lo sport di base nel nostro Paese.
Tutto confermato invece per quanto riguarda la presenza di pubblico negli impianti sportivi, col 15% delle capienze fino al tetto massimo di mille spettatori per gli impianti all’aperto e 200 per quelli al chiuso. Il decreto in Italia è già in vigore da oggi.