Senza Treppiedi e Biancola infortunati, e con Cipolla, Maiorano e Leonardi squalificati, l’Akragas di Pippo Anastasi si accinge a disputare i quarti  di andata di Coppa Italia con il Marineo.
Si tratta di una gara molto attesa nel piccolo comune palermitano e contro una squadra che sta facendo bene in campionato.
Infatti, con 23 punti in classifica, si ritrova ad appena tre punti dal Gigante. Chiaramente in Coppa il discorso è diverso, ed la precedente e risicata vittoria dell’Esseneto, ottenuta dall’Akragas con Lukas Corner, ha fatto emergere la qualità della squadra allenata da Giuseppe Tumminia.
Questo match dall’esito incerto, dovrà disputarsi a porte chiuse per l’inagibilita’ dell’impianto sportivo di Marineo, con inizio alle ore 14:30.
A dirigere la sfida sarà Alessandro Angelo di Marsala, mentre gli assistenti saranno Giuseppe Corona e Alessandro Rallo, anch’essi di Marsala.

L’altra sfida del girone A, si gioca al “Giovanni Bruccoleri”, dove la locale squadra ospita il Mazara.
Anche in questo caso, si tratta di una partita molto incerta, anche se i pronostici sono tutti in favore del Pro Favara che sta attraversando un buon periodo di forma. Dirigerà l’incontro Davide Patti di Palermo, assistito da  Giuseppe Saracino, e Arturo Artellini di Ragusa.

Intanto  è partito il calciomercato invernale, che durerà per tutto il mese e si chiuderà nella giornata del 30 dicembre alle ore 19:00.
Nessuno parla, ma sembra che molte società del girone, stiano per rafforzare i propri ranghi per mirare alla promozione diretta in serie D, oppure per salvare la stagione. Tutto, chiaramente, è top secret.
Indiscrezioni tantissime, ma bocche cucite, anche perché molte di loro intendono completare il giro di boa, prima di pensare ad arricchire i propri organici.
Ben sei squadre si ritrovano nel giro di appena tre punti.
Chi avrà più velleità si butterà a capofitto nel calciomercato.

Articolo precedenteCoppa Italia Eccellenza A, in campo Akragas e Pro Favara. Le terne arbitrali
Articolo successivoTerza Categoria Agrigento, si è dimesso il tecnico Alessandro De Caro