Sono passati venti anni da quando nell’ultimo strappo del circuito, il francese Luc Leblanc staccò tutti per andare a vincere il campionato del mondo di ciclismo. Alle sue spalle l’italiano Claudio Chiappucci.
Claudio ChiappucciA venti anni di distanza, i due campioni si sono ritrovati ad Agrigento per ricordare quel memorabile evento e partecipare al Gran Galà del ciclismo che si terrà questa sera al Teatro Pirandello.
Per l’italiano un ricordo amaro: “Sono stato sfortunato in quella corsa, se fossimo arrivati in volata avrei certamente vinto io”, ci dice al microfono. Lui continua ancora a correre: “Tutti i miei avversari non corrono più, io continuo a pedalare – ha detto in conferenza stampa – sono uno sportivo e mi piace rimanere in pista. Come mi sento? In forma: il motore è di una Ferrari, la carrozzeria di una 500, vedremo come andrà domani”. Chiappucci parteciperà domani mattina alla 3^ Gran Fondo di Ciclismo organizzata dall’Associazione Libertas e dall’ASD Valle dei Templi.
Luc Leblanc ad AgrigentoLeblanc, invece, non farà compagnia all’amico Claudio: “Sono felice di essere qui oggi – ha detto il campione francese – ringrazio Daniele Cutaia che mi ha pensato e mi ha invitato qui. Ho un bellissimo ricordo di quel giorno. Con Claudio ho mantenuto una grande amicizia, anche se ho dimenticato l’italiano. Non posso dire lo stesso di Virenque” ha concluso l’iridato.
Il Gran Galà del Ciclismo, è aperto al pubblico e l’accesso è consentito fino ad esaurimento dei posti. Sarà ripreso dalle telecamere di Bike Channel e trasmesso giovedì in prima serata, a partire dalle 21, sul canale 214 di Sky.