La Polizia di Stato e l’atletica agrigentina piangono “l’Iron Man” Sergio Di Loreto.

La famiglia di Sergio Di Loreto non è l’unica a piangere per la tragedia che l’ha colpita nella giornata di martedì 23 novembre in quel del Caip di Abbasanta.

L’Assistente Capo Coordinatore della Polizia di Stato, oltre ad essere un marito e padre è stato anche un poliziotto serio e professionale. Ma non solo, era uno sportivo, un protagonista delle grandi maratone, ma di quelle che solo in pochi possono permettersi di correre. Era un “Iron Man”, come si usa dire in gergo, quando corri gare dispendiose che superano i canonici 42 km della maratona olimpica. Lui amava le sfide. Era anche un Tri-Atleta ed ha corso tante gare anche in Sicilia con i compagni e colleghi di sempre.

Fisico imponente e spirito da sportivo, nella giornata di martedì ha dovuto lasciare questa vita in seguito ad un incidente all’interno di un poligono di tiro dove era impegnato per via di un aggiornamento professionale.

Sergio era molto conosciuto anche per le sue gesta sportive e questa tragedia ha fatto subito il giro nei social dove l’amarezza e la tristezza ha imperversato in lungo ed in largo a cominciare dai colleghi di lavoro e di sport.

Giuseppe D’Aria, su facebook scrive: “R.i.p. abbiamo iniziato insieme 27 anni fa ad Ostia, poi Senigallia, poi Agrigento, poi sei andato via per tornare dopo qualche anno. Sei stato un fratello sincero. Abbiamo diviso tante esperienze mi mancherai.”Carmelo Licata: “Ti Ricorderò sempre così Amico Mio, con il sorriso sempre sul tuo volto, forza trainante di ogni gruppo. Che la terra ti sia lieve, ci mancherai. R.I.P.”Luciano Italiano: “Sono sconvolto amico mio… Non ci sono parole, fai buon viaggio Sergio.”

Ketty La Porta: “Sergiuuuu….una 5.30 ce la siamo fatta….tu eri un furetto…non ci posso credere…. bello..solare…. e romano de Roma…Rip…perché tanto so che correrai…. anche lassù.”

Peppe Pisano: “Arrivava sempre ultimo ed era una gioia vederlo arrivare e poi faceva la spaccata e le flessioni da super uomo come sei sempre stato grande amico padre e marito e ci mancherai per sempre ciao ci vediamo”.

Piero Roccaforte: “Grazie… per la tua coinvolgente allegria, la tua genuinità, la tua affettuosa amicizia.”

Cristian Cammalleri: “… Non ci sono parole..!! Eri quella persona che dava carica.. Che portava allegria ad ogni occasione…non è giusto Sergiu… Tu mi avevi detto che eri Iron Man…(cosi ti avevo memorizzato sul telefono)… Iron man non può morire con un proiettile… Tu sarai sempre un super eroe…. ETERNO BAMBINONE…mi manchi e mi mancherai tanto Sergiu…. In questa foto però eravamo entrambi capitan America… ❤️.. Oggi in cielo festa in maschera… Le maschere e le parrucche le porti tu… 😍”

Articolo precedenteGiudice Sportivo, cinque giornate al calciatore Raimondi del Canicattì
Articolo successivoMazara calcio, il nuovo tecnico è Manuele Domenicali