La Fortitudo Agrigento vince e convince, i biancazzurri nel turno di Supercoppa Italiana, battono la “corazzata” Napoli. Una squadra attenta e decisa che ha dato vita ad un bel basket. Agrigento ritrova Lorenzo Ambrosin, autore di pregevoli giocate. I biancazzurri si sono imposti con il punteggio di 71 a 64.

Coach Cagnardi brinda il suo debutto in una partita ufficiale con una vittoria. In partita, agrigento mette sul parquet del PalaMoncada grinta e bel gioco. Al primo time out la Fortitudo Agrigento è avanti con il punteggio di 13 a 7. I biancazzurri hanno dato giusti palloni ai loro principali terminali offensivi. Il primo periodo di gioco si chiude con i biancazzurri in vantaggio. La Fortitudo Agrigento avanti con il punteggio di 17 a 13.

Il secondo periodo di gioco si apre con una tripla di James. Napoli torna ai punti e lo fa con Guarino. In cabina di regia, in casa Fortitudo Arigento, Giuseppe Cuffaro. Il play si prende la tripla e porta avanti la sua squadra. Applausi per il giovane agrigentino. Napoli si porta a meno tre, è Milosevic a mettere dentro una tripla. Esordio stagionale per Lorenzo Ambrosin, suoi i due punti: +5 Agrigento. Assist di Easley e “magia” di James, ancora tripla. Giro palla velocissimo della Fortitudo Agrigento, realizza Simone Pepe. Napoli prova a recuperare terreno e lo fa con il canestro di Milosevic: 30-28. Gli ospiti trovano il pareggio, Sherrord sotto canestro non sbaglia: 30 a 30.

Nel terzo periodo di gioco parte bene Napoli, gli ospiti trovano il vantaggio con Spizzichini:+3. Gli azzurri comandano il match, il break viene interrotto da De Nicolao, il play prende palla e trova il canestro: 36-38. James, di forza, trova il canestro del momentaneo pareggio, 38 a 38. Subisce fallo Easley, dalla lunetta è: due su due. Napoli ritrova la parità, azione personale di Monaldi. Pala recuperata di gran mestiere, Easley vola a canestro:+2 Agrigento. E’ Cuffaro ad impostare il gioco, palla per Albano e assist per Ambrosin: tripla. Napoli si porta a due lunghezze, Sandri subisce fallo e riparte da Milani. Agrigento amministra e prova a guadagnare un vantaggio utile alla vittoria finale.

L’ultimo periodo di gioco si apre con una tripla del capitano, Albano Chiarastella. Punti anche per Fontana, fallo subito e dalla lunetta è uno su due. Assist per James, canestro: 56-49. Chiarastella ritrova il canestro, Agrigento ancora avanti: 8 a 4 il parziale. Agrigento si affida ancora una volta all’estro di James, tripla: 61-52. Napoli riduce lo svantaggio, è Sandri a sorprendere la Fortitudo Agrigento: tripla. La giocata d’autore arriva dalle mani di Ambrosin, suoi i tre punti. Agrigento chiude il match in avanti. Una partita bella e combattuta, che ha visto vincere la squadra di coach Cagnardi.

Fortitudo Agrigento 71

Easley 14, De Nicolao 2, Ambrosin 10, Chiarastella, Pepe 9, Moretti 0, Moricca, Morreale, James 17, Cuffaro 5, Fontana 5, Rotondo 0. All Cagnardi. Ass Giovanatto, Ferlisi.

Napoli basket
Milani 2, Sherrord 15, Sandri 13, Monaldi 14, Spizzichini 2, Guarino 6, Milosevic 5, Dincic 7, Spera 0. All Lulli