Giovanni Falsone
Sitibondo e Falsone
Sitibondo e Falsone

«Crediamo di poter raggiungere ancora l’obiettivo play off, e in ogni modo fino a che la matematica lo consentirà continueremo a lottare per accorciare il distacco di 10 punti dal Serradifalco». Il tecnico del Canicattì, Giovanni Falsone è categorico alla vigilia della partita con il Carini, gara valida per la terz’ultima giornata del campionato di Promozione, in programma domani alle ore 16 allo stadio «Carlotta Bordonaro». A testimonianza che la squadra biancorossa crede ancora di raggiungere un posto per gli spareggi, la grande determinazione con la quale i ragazzi del presidente Mimmo Avarello si stanno allenando anche in questo finale di stagione. Il Canicattì, infatti, sia prima di Pasqua che dopo le festività non solo si è allenato tutti i giorni, ma ha disputato anche due importanti amichevoli: una contro l’Akragas, neo promossa in serie D, e l’altra proprio giovedì scorso contro la Sancataldese, formazione di Eccellenza. Quest’ultimo test si è finito in parità (2- 2). Quello che però interessava al tecnico Falsone, era però valutare lo stato di salute della squadra. Il Carini vuole ancora qualche punto per la sua classifica, ma al Canicattì serve invece l’intera posta in palio. Contro i palermitani Avarello e compagni non possono permettersi di allontanarsi ulteriormente dalla seconda in classifica, altrimenti i play off diventeranno veramente una chimera. «Dobbiamo vincere senza fare calcoli – dice il trainer biancorosso -. Sappiamo che non abbiamo alternative ai tre punti. Il Carini è squadra sicuramente ben messa in campo, ma noi dobbiamo dimostrare la nostra superiorità».