Ultima tappa ad Agrigento per il presidente Sandro Morgana, impegnato nel tradizionale giro  per tutte le Delegazioni Provinciali,  a conclusione di una stagione, che ha segnato la giusta “ripartenza” delle varie attività calcistiche isolane, dopo l’interruzione forzata a causa del Covid.
Ad attenderlo nella sede provinciale agrigentina, l’intero Comitato, il Delegato provinciale Prof. Angelo Caramanno, il quale si è soffermato sullo svolgimento delle varie attività, ed evidenziato le iniziative da pianificare nel prossimo futuro.

All’interessante incontro hanno partecipato l’Ing. Santino Lo Presti, presidente onorario del CR Sicilia,  il Prof. Stefano Valenti, Coordinatore Federale, i quali hanno preso la parola per un breve saluto ai presenti.
Ha, poi, preso la parola il presidente Sandro Morgana, il quale ha voluto ringraziare, per l’impegno profuso in stagione dall’intero Comitato agrigentino, soffermandosi sull’organizzazione e la gestione dei vari tornei, che vanno dalla Terza Categoria, alla Serie D di Calcio a 5, compresi i campionati giovanili Under 15 ed Under a 17.

Approfondimenti per migliorare, cui hanno seguito le dovute considerazioni, e quindi gli obbiettivi programmatici per la prossima stagione.
Si è, anche , parlato dei possibili nuovi format dei vari tornei, con un occhio particolare al calcio femminile.
Poi l’attenzione si è rivolta alla violenza che ha coinvolto in 33 casi, tutta la Sicilia, che hanno “macchiato” una stagione che meritava di riprendere con uno stile decisamente diverso, specie dopo lo stop dovuto al Covid.
E’ stata anche rimarcata la necessità di formare la nuova classe dirigenziale, ed in questo caso, sarà di vitale importanza il ruolo della Delegazione che opera con attenzione sul proprio territorio.
E’ seguito un breve dibattito con tutti i Componenti del Comitato, i quali hanno espresso la propria disponibilità, e suggerito nuove iniziative per un rapporto più forte con società e calciatori.

Articolo precedenteAkragas, ad Isernia ci saranno i tifosi biancazzurri. La terna arbitrale
Articolo successivoAkragas, è iniziata l’operazione Isernia