Come è noto, il prossimo 15 gennaio, almeno sino ad oggi, è la data fissata per il termine di efficacia delle attuali restrizioni all’attività sportiva che ha significato la sospensione di tutti i campionati a livello regionale, consentendo alle sole competizioni nazionali, sia maschili che femminili, di poter proseguire non senza le difficoltà legate alla pandemia.
Attenzione non è una certezza assoluta, ma  l’auspicio, virus permettendo, di9 potere finalmente ripartire in modo definitivo, per poi mettere in atto tutte le misure necessarie per portare a compimento la stagione.

E anche stavolta, ( sempre che si parta) come avvenuto in quella precedente, serviranno grande senso di responsabilità e tanta razionalità, da parte di tutti.
In Sicilia, nelle scorse settimane, l’attuale presidente del Comitato Regionale Santino Lo Presti,  aveva smentito categoricamente di fare terminare i campionati di calcio ad 11 con lo svolgimento del solo girone di andata ed a seguire play off e play out. Dunque, i campionati saranno giocati come da regolamento, con la variante che almeno il torneo di Eccellenza, si continuerà a giocare sino alla metà di Luglio.
Tra l’altro, si sono già giocate 6 gare di campionato e ne rimarrebbero 24.

Vincenzo Spadafora, ministro per le politiche giovanili e lo sport, sembra essere più attendista.
“Escludo la possibilità di apertura degli stadi a gennaio. Bisogna rispettare una scala di priorità, è difficile abilitare l’accesso negli impianti sportivi, anche in misura ridotta significherebbe mobilitare numerose forze che in questo momento servono ad affrontare altre situazioni delicate”.
I dati epidemiologici degli ultimi giorni sembrano confortanti e la data di riapertura del 15 gennaio al momento non appare scontata.
Le scelte saranno condizionate dall’andamento della curva epidemiologica, e in questo contesto, il lavoro di questi giorni mirerebbe a far inserire nella lista delle riaperture almeno quelle specialità che possono essere svolte in maniera individuale, in numeri contingentati e senza utilizzo degli spogliatoi.
La ripartenza del calcio dilettantistico e giovanile potrebbe ancora slittare…