Pur giocando in inferiorità numerica per una discutibile espulsione di Cipolla, l’Akragas riesce ugualmente a vincere la gara 2 – 0 con una grande prova d’orgoglio.
In panchina al posto di Corrado Mutolo, Francesco Nobile che ha portato fortuna al complesso biancazzurro, che sin dalle prime battute ha messo sotto assedio la retroguardia bianconera.
Le reti sono arrivate nel momento in cui la compagine dei templi ha dovuto giocare 10 contro undici non subendo contraccolpi) , ed a sbloccare il risultato ci ha pensato Caronia con un tiro che ha superato il portiere locale Bevilacqua.
Nel secondo tempo, l’Akragas continua a giocare senza particolari problemi e trova il bis con il capitano Gambino.
L’Alcamo non reagisce ed il Gigante sfiora ancora la rete con Licata e Biondo. La gara è saldamente in mano alla compagine dei templi che gestisce senza particolari problemi.

LA CRONACA:
Gara molto combattuta sin dai primi minuti, poi sul finire del primo tempo (41′, l’Akragas rimane in inferiorità numerica: espulso il difensore Alfonso Cipolla (fallo su Di Giuseppe), che salterà il derby dell’Esseneto con la Pro Favara.
45′ Akragas in vantaggio con Caronia
Fine primo tempo (dopo 4′ minuti di recupero) con l’Akragas in vantaggio, ma in inferiorità numerica.
Inizia la ripresa con qualche cambio.
69′ arriva il raddoppio con Gambino

ALCAMO: Bevilacqua, Andriolo (57′ Marino), Spicuzza, Lepre (65′ El Banja), La Bua, Alessi, Cirillo (53′ Ammoscato), Calderone 64′ Trapani), Mangiapane (88′ Marciante), Ciancimino, Di Giuseppe. All. Francesco Galeoto
AKRAGAS: Paterniti, La Rocca, Mannina, Procida,  Cipolla, Licata, Biondo, Caronia, Gambino, Santangelo (87′ Daoudi), Graziano (46′ Ferrante). All. Francesco Nobile (squalificato Corrado Mutolo). In panchina: D’Angelo, Pilonetto, Treppiedi, Incardona, Ruggeri, Pirrone, Sodano.
ARBITRO: Gianluca Frizza di Perugia
Assistenti: Dario Ricchiari e Roberto Cusimano entrambi di Palermo.
ESPULSO: Cipolla (AK).
AMMONITI: Caronia (AK), Mangiapane (AL)