Akragas – Misilmeri 1-0. I Giganti fiutano la Serie D

L’Akragas supera il Don Carlo Misilmeri nello spareggio del girone A di Eccellenza siciliano.

Finalmente una gara che ha richiamato il grande pubblico allo Stadio Esseneto con la Tribuna Coperta e la Curva Sud quasi al completo. Bellissime le coreografie degli ultras biancazzurri all’entrata in campo dei 22 e della terna arbitrale, composta dal direttore Francesco Comitti  di Messina e dagli assistenti Francesco Quattrotto di Messina e Salvatore Cucci di Trapani.

All’Akragas basta il pareggio al 120° per superare il turno, gli ospiti devono vincere. Il match è affascinante giocato da due formazioni ben messe in campo dai due tecnici, Terranova e Utro. Il gioco staziona prevalentemente a centrocampo con diversi capovolgimenti di gioco da una parte e dell’altra grazie a diverse iniziative personali di giocatori dallo spessore tecnico superiore come Concialdi e Prestia che tengono in ansia le rispettive retroguardie avversarie.

Al 14° è il nr. 10 biancorosso che libera Kouame nell’area piccola. Il palermitano non ci arriva e l’Esseneto ringrazia. Un minuto dopo ci prova Di Giuseppe con un tiro al volo da fuori area. Palla fuori. Al 21° Terranova inverte gli esterni alti Prestia e Giovanni Taormina per provare a dare una scossa alla manovra biancazzurra. Un minuto dopo arriva il primo corner del match. Lo batte il Misilmeri che continua a spingere nella meta campo agrigentina. Al 25° prima vera occasione per l’Akragas. Pavisich riceve un cross dalla sinistra, di testa riesce a liberarsi dalla morsa di Giuliano, ma nel movimento perde la stabilità e non riesce a battere forte, tiro debole parato agevolmente da Zummo. Al 35° ancora un brivido nell’area di rigore biancazzurra. Concialdi fa una magia e trova libero in area Di Giuseppe che non ci pensa su un attimo e spara al volo. Gran gesto tecnico che per fortuna del pubblico di casa finisce altissimo.

Nella ripresa, all’8° minuto di gioco arriva il gol dell’Akragas. Super Giovanni Taormina sulla sua corsia di sinistra ubriaca il suo diretto avversario ed appena entrato in area di rigore cross di esterno per la testa di Pavisich in quale un pò decentrato rispetto alla porta biancorossa, colpisce rimettendo verso l’area piccola dove c’è Ivan Lavardera, che fa sua la sfera, la protegge dall’arrivo di Zummo ed in rovesciata lo supera infilando la sfera nelle sette alla sua sinistra. Gol spettacolare di Lavardera e tifosi totalmente in estasi per questo super gol. A ravvivare la ripresa le 5 sostituzioni di Utro e l’ingresso in campo degli ex Pellegrino e Tiscione. Da notare il tentativo di Giuliano che di testa sugli sviluppi di un caldio di punizione battuto dal solito Concialdi, per poco non punisce Harusha. Palla che piano piano con uno strano effetto sfiora il pallo dalla parte opposta dell’area piccola agrigentina. Dopo 5 minuti di recupero il sig. Comito sancisce la fine delle ostilità e spedisce i giganti nella finale interregionale contro la vincente dello spareggio molisano tra Isernia ed Agnolese.

Articolo precedentePlay Off Molise, la finale sarà: Città di Isernia-Olympia Agnonese
Articolo successivoPrima Categoria, sconfitto il Gemini nella prima giornata play off