Akragas di forza sulla Nissa. Villa fa suo il derby

E’ un’Akragas a trazione anteriore quella scesa in campo questo pomeriggio sul rettangolo di gioco dell’Esseneto. Nonostante l’avversario, la Nissa, giunga nella città dei templi con i galloni di capolista, i biancazzurri non si lasciano impressionare più di tanto e sin dai primi minuti fanno intendere che non lasceranno spazi agli ospiti. La gara non è quasi mai spumeggiante, si vive di folate, lanci lunghi e qualche azione personale, ma soprattutto di tanta concretezza nella fase difensiva dell’11 allenata da mister Di Gaetano. Tanto basta però ai padroni di casa per aggiudicarsi match e 3 punti. Ma andiamo alla cronaca.

Al 3° Incatasciato ci prova dalla lunga distanza, il suo tiro finisce di poco fuori alla destra di Keba; Al 9° infortunio occorso a Licata che chiede il cambio (dopo 4 minuti in 10 la sostituzione); Al 19° la prima vera occasione per l’Akragas. Seckan imbeccato benissimo da Gambino dentro l’area piccola, si defila troppo ed il suo tiro ad incrociare termina tra le braccia di Keba; Al 24° Incatasciato ammonito per simulazione in area ospite. Niente rigore, che non reclamano più di tanto; Altri 4 minuti ed ancora Akragas vicino al gol con Seckan che supera con un pallonetto Keba, ma Campanaro sulla linea salva i suoi; Al 33° Giardina di testa sugli sviluppi del primo corner dei biancazzurri. Palla di poco alta sopra la traversa. Sul cambio di fronte biancoscudati pericolosi in area con  Stassi che però viene bloccato da Cipolla. Al 38° Seckan sul cross dal fondo di Gambino alto di pochissimo. Keba comunque attento vede la sfera terminare la sua corse oltre la linea di fondo. 2 minuti dopo ancora una volta Sekcan ha la palla per andare in gol ma stavolta nonostante la posizione centrale nei pressi del dischetto, spara alto. Ma l’Akragas ci crede, è padrone del campo. Infatti al 47° passa con Villa che sigla il gol del vantaggio raccogliendo una ribattuta sulla linea di Campanaro che salva sul tiro a colpo sicuro di Gambino, ma da sottolineare la grande azione di Seckan sulla fascia sinistra che semina lo scompiglio nella retroguardia nissena.

Nella ripresa quasi nulla. Al 47° la Nissa sfiora il pareggio con Tosto che ad 1 metro dalla linea di porta manda incredibilmente di testa fuori su calcio d’angolo. Al 16° Gambino lanciato a rete, viene steso da Salvo che viene ammonito. Cinque minuti dopo, Retucci appena entrato in campo, in sforbiciata dentro l’area crea un serio pericolo per la retroguardia biancazzurra, ma Compagno in qualche modo respinge. Al 33° Gambino al volo su perfetto cross di Seckan conclude centralmente, para facile Keba. Gli ultimi 20 minuti scivolano un pò nervosamente con gli ospiti che cercano la via della rete senza fortuna. Dopo 6 minuti di recuperano il sig. Dario Pomara di Palermo sancisce la fine delle ostilità e la vittoria nel derby all’Akragas.

Akragas. Compagno; La Spina, Maniscalco (81° Baio), Spinelli, Cipolla, Licata (13° Giardina), Biondo (81° Cerra), Incatasciato, Gambino (85° Sicurella), Villa (68° Fricano), Seckan. All. Di Gaetano

a disp. Giarratana, Bulades, Di Salvo, Spataro

Nissa. Keba; Salvo (84° Calabrese), Tosto, Bisogno (65° Retucci), Conti, Campanaro, Illario (59° Mazzoni), Priolo, Gallon (54° Bellanca), Prestia, Stassi (90° Priola C.). All. Bognanni.

a disp. Chimenti, Maione, Ramella, Priola R.

Arbitro. Dario Pomara di Palermo; Francesco Conti ed Elvira Rizzo di Enna

Rete. 47° del 1° tempo Villa (A).

Ammoniti: Incatasciato, Giardina, Spinelli, Maniscalco, Villa, Biondo e Fricano dell’Akragas; Stassi, Bisogno, Illario, Salvo e Bellanca della Nissa.

Angoli. 1-5