Prima della gara di Campionato tra Akragas- Oratorio Marineo, si è svolta una pregevole iniziativa dell’Assessore Comunale di Agrigento, Roberta Lala, in solidarietà per Hasha Amini, donna iraniana che si opposta, a discapito della propria vita, contro il regime iraniano che vieta la libertà alle donne.
Insieme ad un gruppo di tifose dell’Akragas, si sono tagliate una ciocca di capelli, in segno di solidarietà delle donne iraniane.
Le ciocche saranno spedite all’ambasciata dell’Iran a Roma.
“Anche da Agrigento – dichiara l’assessore Roberta Lala – è partito un grido globale di protesta contro il regime in Iran e a favore della libertà delle donne dopo la morte, il 14 settembre 2022, di Jina Masha Amini, la ventiduenne curda arrestata e picchiata dalla polizia islamica perché non indossava correttamente il velo”.
Il taglio dei capelli è una vecchia cerimonia usata in Iran e in altri paesi limitrofi.
Significa “lutto”: quando ci si trova di fronte a una grande tristezza o rabbia, allora ci si tagliano i capelli”.

Articolo precedenteL’Akragas passeggia con il Marineo ed agguanta il primo posto
Articolo successivoPromozione A, Casteltermini sempre più giù. Risultati e classifica