Giovedì la Covisod si pronuncerà sulle iscrizioni presentate lo scorso 12 luglio. Oltre a Montichiari, Atessa Val di Sangro, Casarano e Valenzana, saranno almeno una decina le altre squadre chiamate a completare entro il 23 luglio la propria domanda d’iscrizione. Alle società non in regala verrà comminata una sanzione di mille euro per ogni inadempienza. Il 27 luglio arriverà  invece il verdetto della Covisod prima dell’ufficializzazione finale delle squadre partecipanti alla prossima serie D (prevista per il 31) a opera della Lega Nazionale Dilettanti.

Ad un  giorno dal verdetto della Covisod, CalcioNapoleteno.it prova a fare chiarezza sulla situazione di alcune società che, almeno per il momento, non sono in regola con l’iscrizione al prossimo torneo di serie D.

Sono otto i club che domani verranno rimandati dalla Covisod, ai quali potrebbero aggiungersene altri. Oltre ai nomi già noti di Casertana ed Ebolitana, che devono completare la documentazione inserendo la fideiussione, ci sono altre tre società campane in bilico.
In primis c’è il Pomigliano che si è iscritto grazie al commissario straordinario Peppe Cantone ma che non ha ancora presentato la fideiussione. Problemi minori invece per il Sant’Antonio Abate del neotecnico Gennaro Iezzo e per l’Hyria Nola di Rosario Gaglione. Ci sono ancora delle vertenze da saldare nei confronti di ex tesserati.

Situazione critica quella dell’Atletico Trivento, compagine molisana che potrebbe non partecipare al prossimo torneo di D. Oltre alla fideiussione mancherebbero anche altri documenti per completare la domanda d’iscrizione. Il Trivento potrebbe non iscriversi e dirottare tutte le proprie forze economiche nel nuovo progetto di rilancio del Campobasso, che con ogni probabilità ripartirà dall’Interregionale.

Sorridono poco i tifosi del Nardò. Nella città pugliese è corsa contro il tempo per regolarizzare l’iscrizione. Mancano ancora fideiussione e il pagamento di ben otto vertenze. Situazione critica anche per un’altra pugliese. Il Grottaglie infatti pare che non abbia presentato tutto l’incartamento richiesto.

Problemi risolti invece per il Lecco del neo patron Joseph Cala. Diramato oggi un comunicato ufficiale che annunciava l’ok della Covisod alla domanda d’iscrizione presentata lo scorso 12 luglio.   (fonte Notiziario del calcio)

Articolo precedenteColpo Akragas, preso l’attaccante Gerlando Contino
Articolo successivoAndrea Quarisa è un giocatore della Fortitudo Moncada