L’Empedoclina impone il pari alla Sommatinese e vola da sola al comando

L’Empedoclina impone il pari interno alla Sommatinese e vola al primo posto in solitaria nel campionato di Prima Categoria.

Vigneri deve inventarsi un undici competitivo non potendo disporre della rosa al completo. Causa infortuni non sono presenti nella trasferta nissena, Neri, Riccobono, Baldarelli, oltre gli indisponibili di lungo corso come Agnello, Ficarra e Castronovo. Cui si devono aggiungere le condizioni non al meglio di Indelicato, Donato e Zeus Fame, che comunque sono scesi regolarmente in campo.

Non sono certamente alibi ma, tra assenze e problematiche fisiche varie, unitamente ad alcune nostre difficoltà, soprattutto nel primo tempo, a leggere l’impostazione tattica dei nostri avversari scesi in campo con il 3-4-2-1, ossia con un modulo di gioco che prevedeva l’utilizzo di 2 trequartisti dietro il centravanti – racconta Vigneri – spesso tra le linee non riuscivamo a prenderli. Poi nell’intervallo abbiamo sistemato un pò le cose e nonostante il gol dello svantaggio siamo riusciti a recuperare il risultato nel finale di gara.”

Per la cronaca è la Sommatinese a passare in vantaggio al 26° del secondo tempo con capitan Cigna che realizza sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Lauricella. Al 92° il gol del pareggio empedoclino con Zeus Fame.

Con questo pareggio esterno i granata rimangono saldamente in testa solitaria dal momento che la diretta concorrente S. Anna ha perduto sul campo del Don Bosco 2000.

Questa la formazione dell’Empedoclina. Pullara; Mercante, Scaletta, Pontini, Granone (Salamone), Bamba, Lo Presti (Farruggio), Donato, Zeus Fame, Indelicato (Cortelli), Sicurella. Vigneri (Cosi, Sodano, Talenti, Barbera, Contino)

A seguire la formazione della Sommatinese con la grafica pubblicata dalla pagina facebook del club nisseno


Immagine di copertina tratta dalla pagina facebook della Sommatinese

Articolo precedenteMamma mia che Akragas ! I giganti corsari nel big match di Sciacca
Articolo successivoSciacca – Akragas 0-4. La videosintesi