Esseneto, l’akragantino più famoso

Esseneto, l’akragantino più famoso

EssenetoEsseneto nome che ad Agrigento è associato al calcio ed allo stadio cittadino, ma non tutti sanno la vera storia di questo personaggio, che fa parte della storia millenaria dell’antica città di Akragas.
Qualcuno dice che si tratta di una leggenda, ma gli scrittori di allora testimoniano che si tratta del primo campione in assoluto, di un atleta della “Valle dei Templi”, che partecipò con successo ai primi giochi dell’antica Grecia ad Olimpia. Era l’anno 412 a.c. , ed Esseneto, un giovane atleta dall’incredibile forza fisica, partecipò e vinse la corsa dello “Stadion”, una gara di velocità di 192 metri, la più prestigiosa dei giochi olimpici di allora. Esseneto si impose in questa specialità per ben quattro Olimpiadi di fila, e ciò lo rese famoso nell’antica Akragas, che gli tributò un’entrata trionfale nella Valle dei Templi. Per il campione olimpico, la città dovette abbattere una parte del muro di cinta per fare entrare, in maniera trionfale, Esseneto accompagnato da oltre 300 bighe di cavalli bianchi (all’incirca 1200) , e per alcuni giorni fu grande festa. La leggenda racconta, che furono gli Dei dell’Olimpo a gareggiare tra di loro, e così successe che Apollo battè Mercurio nella corsa, che Marte fu campione nel pugilato, che Ercole si impose nella lotta e Zeus gareggiava contro il padre Kronos. Poi fu la volta degli uomini, e da allora nacquero le Olimpiadi, che coronarono i primi campioni, e tra loro l’akragantino Esseneto. Esseneto, l’akragantino più famoso Esseneto, l’akragantino più famoso

Esseneto Esseneto Esseneto