Coppa Italia. Misilmeri inconsistente, l’Akragas vola in finale.

Alla vigilia dei tre match, 2 dei quali di Coppa Italia, che Akragas e Misilmeri avrebbero dovuto affrontare nel corso degli ultimi 15 giorni, mai si sarebbe immaginato che in tutte e tre le occasioni la formazione palermitana non avrebbe raccolto neanche un punto né tantomeno che avrebbe concluso le tre gare senza segnare una rete.

Ecco che dopo la gara di domenica scorsa, valevole per la 14^ di campionato, vinta dai giganti per 2 reti a 0, e dopo la vittoria dei biancazzurri per 1-0 in casa della Don Carlo, in questo match di ritorno, i tifosi biancorossi si attendevano una grande reazione dalla propria squadra. Ed invece nonostante tre giorni di ritiro nella “Città dei Templi”, il Misilmeri, è andata subito in svantaggio dopo appena 6 minuti di gioco, sciogliendosi come neve al sole con il passare dei minuti,  disputando un match assolutamente incolore.

Di contro l’Akragas ha dimostrato qualora ce ne fosse stato bisogno di essere una squadra compatta in ogni reparto, e nonostante le pessime condizioni del terreno di gioco, ha sciorinato un buon calcio andando a rete per tre volte grazie ad una doppietta di Mansour (doppio assist di Vitelli) ed alla rete dell’attaccante Francesco Vitelli, assoluto Man of the match, dell’Akragas. Il bomber campano ha disputato una grande gara cercando sempre la porta ed i compagni come in occasione delle due reti del numero 10 agrigentino, ed è stato premiato al minuto 13 della ripresa.

Il Don Carlo Misilmeri deve vincere obbligatoriamente dopo la sconfitta dell’andata e scende in campo con il migliore undici possibile, fatte salve le assenze degli squalificati Cossentino, Pellegrino e Siino, confermando in ports l’under Marino a vantaggio di un senior in mezzo al campo. L’Akragas invece si affida sempre ad Elezaj in porta e a Vitelli in attacco, con Dalloro che parte titolare nel ruolo di mezzala e Mannina nel suo consueto esterno sinistro.

Al 6°, come dicevamo Akragas subito in vantaggio grazie al gran lavoro di Vitelli che serve un assist al bacio per Mansour che deve solo insaccare il gol dell’1-0. All’11° ci prova Semenzin, ma la sfera termina alta sopra la traversa. Al 18° Vitelli, in grande spolvero, tira da oltre 25 mt., Marino in tuffo mette in angolo (il 5° da inizio gara a testimoniare della pressione esercitata dagli avanti agrigentini). Al 26° ancora una grande azione dell’Akragas con Semenzin che si invola sull’out di destra, raggiunge il fondo e crossa per l’accorrente Vitelli che entra in area e di prima serve Mansour che appostato dentro l’area piccola in scivolata mette ancora alle spalle di Marino.

Da segnalare, da parte biancorossa, una bella rovesciata di Manfrè, al 39°, terminata alta sopra la traversa, unico tiro di tutta la gara verso la porta difesa da Elezaj.

Nella ripresa, da segnalare solamente l’eurogol di “Ciccio” Vitelli, che da solo vale il prezzo del biglietto. Un gol davvero pregevole che l’avessero fatto in serie A, lo avremmo rivisto decine e decine di volte. Ve lo proponiamo noi, nel video che abbiamo raccolto questo pomeriggio in diretta.

L’Akragas affronterà nella finale regionale la vincente del doppio confronto tra Nuova Igea Virtus e Città di Taormina. All’andata si sono imposti i giallorossi in casa propria per 2-0. Il ritorno in quel di Taormina, mercoledì 21 dicembre, sancirà il prossimo avversario dei giganti. La gara FINALE si disputerà sul campo “A. Campo” di Ragusa con eventuali tempi supplementari e calci di rigore.

Ricordiamo che la Società vincente la Coppa Italia Regionale acquisisce il diritto a partecipare alla fase nazionale.

AKRAGAS. Elezaj; Baio, Cipolla, Noto A., Mannina; Dalloro, Garufo, El Yakoubi; Mansour, Vitelli, Semenzin. All. Terranova

DON CARLO MISILMERI. Marino; Fricano, Colombatti, Giuliano, Ficarra; Lo Nigro, Ambro, Mendola; Manfrè, Concialdi, Lucera. All. Utro

Arbitro. Gaetano Milone di Barcellona Pozzo di Gotto

Reti. 6° Mansour (A); 26° Mansour (A); 58° Vitelli (A).

Articolo precedenteAkragas – Don Carlo Misilmeri, Coppa Italia da dentro o fuori
Articolo successivoCALCIO. Serie D, Eccellenza e Promozione: le partite del 17 e 18 Dicembre 2022