Maurizio Anzalone (Renault Clio Rs K)
Maurizio Anzalone (Renault Clio Rs K)

Il 18° Slalom Città di Misilmeri vedrà certamente al via numerosi tra gli specialisti siciliani più attesi (in queste ore si sta definendo l’elenco completo degli iscritti, che per il momento comprende oltre 85 adesioni), tra essi tutti i protagonisti dello Challenge Palikè 2012. A cominciare dal catanese (residente a Giarre) Giuseppe Faro, leader provvisorio della citata serie isolana con 72 punti, su Fiat Cinquecento Sporting, per proseguire con il messinese Salvatore Caristi, finora secondo assoluto con 66 punti, alla guida della sua “pepatissima” Peugeot 106 Gti 16v con i colori della scuderia Phoenix Santa Teresa Riva e con l’altro specialista nisseno (residente a San Cataldo) Maurizio Anzalone, che completa l’ipotetico podio con i suoi 61 punti (Renault Clio Rs K schierata dal Motor Team Nisseno). Tutti vantano medesime possibilità di vittoria del titolo regionale poiché compresi, come si vede, in un “fazzoletto” di soli 11 punti, a due prove dal termine (l’imminente Slalom Città di Misilmeri e l’ottavo Slalom Città di Biancavilla, in calendario quale “new entry” per il prossimo 18 novembre nella cittadina del Catanese alle falde dell’Etna, in qualità di ottavo ed ultimo appuntamento con lo Challenge Palikè 2012).

Ma il favorito ‘numero uno’ per il successo pieno, in questo caso nella prova misilmerese, è ancora una volta il palermitano Fabrizio Minì, senza dubbio lo specialista di slalom più in forma del momento. Il portacolori della scuderia Catania Corse (che recentemente si è aggiudicata in anticipo il titolo di sodalizio campione siciliano di specialità 2012) punta senza mezzi termini alla vittoria stagionale numero sette in quella che può essere a tutti gli effetti considerata come la gara di casa (Minì è originario di Marineo, comune che dista appena 13 km da Misilmeri), sempre al volante della collaudata Radical Prosport Kawasaki 1.4, biposto britannica che egli stesso cura nei dettagli tecnici.

A far da “sparring partner” a Fabrizio Minì, almeno sino a questo momento, saranno l’immancabile trapanese (di Custonaci) Nicolò Incammisa, con la sua sempre ammirata Osella PA 21S Honda della Catania Corse, quindi gli agrigentini Giuseppe Bellomo (di San Biagio Platani), su Radical Prosport Kawasaki e Vincenzo Leto (nato a Cammarata), con la Elia Avrio ST09 Suzuki della Puntese Corse. Tra i numerosi ed agguerriti piloti locali, spicca la presenza di Filippo Cerniglia (Fiat 126 Suzuki), Giusto Giordano (Fiat 126 Yamaha) e Sebastiano Visconti, con la sua Gloria C8F. Tra i Prototipi, da seguire anche la gara dell’altro giovane trapanese (originario di Mazara del Vallo) Girolamo Ingardia, nell’abitacolo della sua spettacolare Fiat Cinquecento mossa da un motore Honda da 1.200 c.c., per il Team del Mago Partanna.

Il 18° Slalom Città di Misilmeri sarà articolato lungo un segmento di gara della lunghezza di poco meno di 3 km ricavato lungo la strada provinciale 38 cosiddetta “Misilmeri-Belmonte Mezzagno” per Piano Stoppa, tracciato che ha mantenuto pressoché inalterate le proprie peculiarità tecniche. Lo “start” è individuato in prossimità di Misilmeri, all’altezza del tratto conclusivo di via Roma (arteria principale che attraversa quasi tutto il paese), in corrispondenza con l’intersezione per via Palermo e delle prime propaggini di contrada della Chiesa. L’arrivo è collocato 2,990 km più avanti, nei pressi della vicina contrada Piano Stoppa, non prima che le vetture in corsa abbiano attraversato le vie P1 e Crispino Vicari (che copre quasi l’intero percorso), per poi fermarsi appunto in un “parking” in contrada Piano Stoppa, area deputata ad ospitare il parco chiuso, a fine gara e la premiazione, ad apertura di quest’ultimo.

Le verifiche sportive del 18° Slalom Città di Misilmeri si svolgeranno sabato 29 settembre, dalle 15 alle 19.30, ospiti nei locali interni dell’Area artigianale di Misilmeri, in via Gaetano Pellingra, mentre le verifiche tecniche, in atto dalle 15.30 alle 20 sempre di sabato 29 settembre, si svolgeranno negli ampi spazi a disposizione della citata Area artigianale, in via Pellingra, non lontano dallo svincolo di Misilmeri della strada statale 121, detta “Catanese”. La corsa, fissata come tradizione per l’indomani, domenica 30 settembre, sarà articolata sulle tre manche, dalle 9, con direzione di gara affidata all’esperto ennese Lucio Bonasera. Saranno ben quindici le postazioni di rallentamento con i classici birilli disposte lungo il tracciato. Il transito veicolare nella zona sarà chiuso a partire dalle 7.

Articolo precedenteNissa-Noto, si gioca al “Bruccoleri” di Favara
Articolo successivoL’Acr Messina perde il derby di Coppa con i cugini del Città di Messina